Al termine del match, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dallo Stadio Olimpico di Roma.

“C’è del rammarico, ma dovremo esser bravi a lasciarci alle spalle le ultime delusioni che abbiamo patito guardando alle prestazioni che abbiamo offerto: abbiamo affrontato due corazzate come la Juventus ed il Milan che eravamo riusciti anche a battere nel girone d’andata. Non avremmo meritato di perdere le due partite, invece, disputato contro queste stesse compagini nel girone di ritorno. Ripartiremo dal cuore che abbiamo messo nelle ultime due sfide e dalle nostre prove.

Tutti i gol si possono evitare, avremmo potuto commettere fallo prima su Dybala, mancavano solo 10 secondi al termine della partita. Parolo per paura di un intervento arbitrale non ha toccato l’argentino che, sbilanciato, da terra è riuscito a segnare: era destino perdere oggi e contro il Milan mercoledì. Queste sconfitte ci aiuteranno a crescere: abbiamo sempre dato tutto proprio come stasera. Ci poteva stare della stanchezza, ma non si è vista; siamo stati ben posizionati in campo e dovremo metterci alle spalle gli ultimi risultati negativi per ripartire dal cuore che abbiamo messo in campo e dalle ultime prestazioni offerte.

Non ho voluto rivedere il presunto rigore su Leiva, ci sono degli addetti chiamati a valutare gli episodi: mi dicono fosse netto, ma l’intervento è stato valutato ed hanno deciso che il penalty non ci fosse. Non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi: Strakosha non è mai stato chiamato in causa, mentre Buffon ha portato a termine diversi interventi.Nuovo Sono contento delle prove dei singoli, non ricordo una gara contro la Juventus nella quale il portiere biancoceleste sia risultato inoperoso quanto stasera. Ci hanno aiutato molto i nostri attaccanti, ma siamo stati anche molto bravi a difendere. Il pareggio sarebbe stato più giusto e, l’impressione era quella che, se una squadra avesse dovuto trovare la via del gol, quella sarebbe stata proprio la Lazio.

Milinkovic ha dato moltissimo nelle ultime due gare, ha corso molto e può aver perso della lucidità. Complessivamente, i miei ragazzi sono stati bravissimi”.

Il tabellino

LAZIO-JUVENTUS 0-1

Marcatori: 93′ Dybala (J).

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, de Vrij, Radu; Lulic (90′ Murgia), Parolo, Leiva, Milinkovic, Lukaku; Luis Alberto (70′ Felipe Anderson); Immobile (79′ Caicedo). A disp.: Guerrieri, Vargic, Bastos, Wallace, Patric, Crecco, Jordao, Nani. All.: Simone Inzaghi

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Benatia, Rugani, Barzagli; Lichtsteiner (57′ Douglas Costa), Khedira, Pjanic, Matuidi, Asamoah; Dybala (94’Chiellini), Mandzukic (72′ Alex Sandro). A disp.: Szczęsny, Del Favero, Howedes, Sturaro, Bentancur, Marchisio. All.: Massimiliano Allegri.

ARBITRO: Banti (sez. Livorno).

Ass: Costanzo – Vuoto. IV: Damato. VAR: Irrati. AVAR: Peretti.

NOTE. Ammoniti: 27′ Luis Alberto (L), 30′ Luiz Felipe (L), 45’+2′ Lichtsteiner (J), 75′ Alex Sandro (J), 88′ Lulic (L). Recupero: 2′ pt, 3′ st.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.